GUINZAGLIO COLLARE O PETTORINA? COME E QUANDO.

Il cucciolo e la pettorina

Partendo dai primi mesi di età, è necessario dire che bisogna prima prendere in considerazione la razza e il carattere del nostro amico che necessita della pettorina se molto vivace e tiratore e quindi il collare crea sollecitazioni alla trachea che comporta dei fastidi al cane il quale tira ancora di più per liberarsi dal senso di soffocamento. Il cucciolo deve avere anche uno sviluppo e crescita mentalmente serena e la pettorina essendo più confortevole quando viene indossata crea sicuramente meno stress. Anche se il cane deve fare le vaccinazioni e quindi non può andare a spasso perchè non avendo anticorpi a sufficienza è soggetto a prendere malattie virali, è consigliabile comunque fargli indossare la pettorina o il collare in modo che si abitui all’approccio. Da adulto invece, se il cane è da passeggio e non ha bisogno di particolari direttive possiamo continuare ad utilizzare la pettorina, mentre invece se c’è bisogno di strattonate d’addestramento per farlo calmare, allora con il collare saremo sicuramente più efficaci.

Il collare

Il collare può essere di metallo, cuoio, nylon o stoffa, vi sconsigliamo vivamente di usare un collare in metallo con le maglie strette ai cani a pelo medio come per esempio un Pastore Tedesco e tanto meno a pelo lungo come per esempio uno Shit-Tzu oppure un Golden Retriever in quanto il pelo che entra inevitabilmente nelle maglie viene strappato durante il movimento del collare sul collo del cane. Il collare può essere di quelli a “sgancio rapido” che vengono regolati in precedenza e poi indossati facendo solo una leggera pressione sul gancio oppure con la fibbia che va regolata come la nostra cinta intorno all’addome. La distanza corretta e di circa un dito dal collare e il collo del cane. Il collare è sicuramente più adatto per dare una condotta al cane. Il collare di cuoio con le punte esterne oltre ad avere un effetto estetico serve principalmente per difendere il collo del cane da eventuali attacchi di un rivale, non va mai usato con le punte rivolte all’interno in quanto provoca ferite e sofferenze inutili al nostro amico a 4 zampe. Il collare a strangolo può essere usato solo in particolari condizioni è sconsigliato per portare a spasso il cane e tanto meno lasciarlo in dosso quando il cane non è in tiro con il guinzaglio perchè si allenta inevitabilmente e si sfila, è stato inoltre al centro di grandi discussioni. Il collare semistrangolo invece si stringe leggermente intorno al collo al momento che il cane tira o strattona ma senza strangolarlo, infatti quando è indossato non si deve sfilare e quindi essere la larghezza giusta perchè possa essere infilato dalla testa e quando indossato deve avere una distanza di circa due dita dal collo che permette di non uscire e stringere quel tanto che basta quando il cane tira.

Per quanto riguarda i guinzagli, oltre ad essere dotati di un buon moschettone per la sicurezza deve essere confortevole per il conduttore, quindi potete scegliere quello di vostro gradimento ed esigenza.

Il gatto al guinzaglio

Il gatto specialmente il casalingo che assapora poco le passeggiate, può essere stimolato a vedere altri paesaggi e sentire nuovi odori, sicuramente molto più indicata e sicura la pettorina che deve essere regolata ben aderente, il gatto deve essere abituato in precedenza in casa, prima facendogliela annusare e giocare e poi facendogliela indossare prima solo qualche minuto e poi gradualmente di più. La pettorina abbinata ad un guinzaglio estendibile , ne esistono in commercio dai 3 fino agli 8 metri e anche più, che permettono al gatto di passeggiare solo in quel delimitato raggio senza allontanarsi oltre.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Open chat
Hai bisogno di effettuare un ordine?